Enti Pubblici

Titolo: Il piano della performance e la valutazione delle prestazioni negli Enti Locali
Autore: Paola Morigi
Editore: Maggioli Editore
Anno: dicembre 2017
Pagine: 212
Formato: 17x24 cm
Edizione: prima
Codice isbn: 9788891625908
Prezzo di copertina: 30,00 Euro

Clicca per procedere all'acquisto


Una guida operativa per impostare correttamente gli indicatori e attuare la riforma Madia

Aggiornamenti on line

Il lettore, tramite il codice alfanumerico, potrà accedere a:
- Casistica: relazioni sulle performance
- Schema compilabile di relazione sulla performance
- Provvedimenti normativi
e a tutte le novità che interverranno fino al 30 giugno 2018.

Aggiornato con:
D.Lgs. 25 maggio 2017, n. 74 sulla performance organizzativa e individuale
Linee guida emanate dalla Funzione pubblica
Armonizzazione contabile


Il volume intende essere una guida per amministratori, dirigenti e funzionari degli enti locali che intendano cimentarsi con il nuovo Piano della performance previsto dal D.Lgs. 25.5.2017, n. 74 e vogliano impostare correttamente gli indicatori utili per la valutazione del proprio servizio, dell'ente e delle società controllate.

Dopo aver richiamato le Linee guida elaborate dalla Funzione pubblica, che diverranno punto di riferimento fondamentale per tutte le pubbliche amministrazioni, ci si sofferma sul ruolo che vengono ad assumere gli organismi indipendenti di valutazione oiv, sulla performance organizzativa ed individuale e sulle procedure che dovranno seguirsi per trasformare il Piano della performance in un documento programmatico e non in un mero adempimento formale.

Al fine di rendere più operativo il testo si riporta un approfondimento sul tema degli indicatori di bilancio e di risultato, dal momento che gli stessi risultano essere fondamentali come supporto nelle misurazioni e valutazioni, oltre ad essere espressamente previsti nell'ambito dell'armonizzazione contabile già avviata.

La valutazione delle prestazioni viene illustrata con riferimento alle nuove normative, dal momento che attraverso il Piano della performance si acquisisce uno strumento basilare che dovrà servire ad una pluralità di scopi ed essere di ausilio nelle politiche che interesseranno le risorse umane.

Sono riportati alcuni schemi e relazioni sulla performance, costruiti partendo dalle esperienze interessanti che sono maturate nel corso di questi anni e arricchiti con i nuovi adempimenti che derivano dalla normativa introdotta con il D.Lgs. n. 74-2017.

Il volume, semplice nella sua struttura, ricco di casi concreti e con una serie di rinvii che consentiranno facilmente di rintracciare schemi e modelli applicativi, intende offrire al lettore un ausilio nella comprensione del processo di riforma e delle implicazioni che lo stesso dovrà produrre.

In questo modo amministratori, manager e funzionari pubblici potranno disporre di idonei strumenti per valutare correttamente le politiche messe in atto, governare i propri servizi e le partecipate che ad essi fanno capo.

Le nuove indagini di customer satisfaction consentiranno anche di capire cosa ne pensano i cittadini e gli utenti dei servizi.


Indice
Capitolo I Dalla riforma Brunetta alla riforma Madia
1.1. Come è cambiata la normativa sulla valutazione del lavoro pubblico
1.2. Richiamo all'ambito di applicazione del d.lgs. n. 150-2009
1.3. Organi coinvolti nei processi di valutazione
1.4. Piano della performance e obiettivi
1.5. Rendicontazione e trasparenza
1.6. Merito e premi
1.7. La riforma Madia sulla nuova p.a.

Capitolo II Le novità introdotte con il d.lgs. n. 74-2017
2.1. Alcuni limiti del d.lgs. n. 150-2009
2.2. Cosa cambia con il d.lgs. n. 74-2017
2.2.1. Il ruolo-guida del dipartimento della Funzione pubblica
2.2.2. Il ciclo di gestione della performance
2.2.3. La formulazione degli obiettivi
2.2.4. L'organismo indipendente di valutazione
2.2.5. Performance organizzativa e individuale
2.2.6. Premi e merito nella contrattazione collettiva
2.3. Il Piano della performance tra vecchie e nuove normative

Capitolo III Le nuove competenze della Funzione pubblica sulla performance
3.1. L'organo nazionale di riferimento per la performance
3.1.1. Dal d.lgs. n. 150-2009 al d.P.R. n. 105-2016
3.1.2. I contenuti del d.lgs. n. 74-2017 che coinvolgono la Funzione pubblica
3.2. Le Linee guida per i ministeri
3.3. Le Linee guida per gli enti locali: ipotesi e proposte

Capitolo IV Il nuovo ruolo dell'organismo indipendente di valutazione
4.1. L'Elenco nazionale dei componenti gli oiv
4.2. I contenuti del d.lgs. n. 74-2017 riferiti alle funzioni degli oiv
4.2.1. Il testo riformulato dell'art. 14 del d.lgs. n. 150-2009
4.2.2. Altri richiami alle funzioni degli oiv riportate nel d.lgs. n. 74-2017
4.2.3. La partecipazione di cittadini ed utenti alla valutazione

Capitolo V La performance organizzativa
5.1. La definizione normativa
5.2. La multidimensionalità della performance organizzativa
5.2.1. L'attuazione delle politiche e il conseguimento di obiettivi collegati a bisogni ed esigenze della collettività
5.2.2. Piani e programmi e loro declinazione
5.2.3. La rilevazione del grado di soddisfazione dei destinatari delle attività
5.2.4. La modernizzazione e il miglioramento qualitativo dell'organizzazione
5.2.5. Lo sviluppo di relazioni con i cittadini e con l'utenza
5.2.6. L'efficienza nell'impiego delle risorse
5.2.7. La qualità e quantità delle prestazioni e dei servizi erogati
5.2.8. Il raggiungimento degli obiettivi di promozione delle pari opportunità
5.2.9. Gli schemi di riferimento per valutare la performance
5.3. I risultati attesi
5.4. Le dimensioni da considerare e le analisi di impatto
5.5. Performance organizzativa e management

Capitolo VI La performance individuale
6.1. La definizione normativa
6.2. Come si misura la performance individuale
6.2.1. Gli indicatori di performance relativi all'ambito organizzativo di cui si è responsabili
6.2.2. Gli obiettivi specifici individuali
6.2.3. Il contributo alla performance generale della struttura
6.2.4. La capacità di valutare i propri collaboratori
6.2.5. I criteri da seguire nelle valutazioni sulle performance individuali
6.3. Dalla performance organizzativa alla performance individuale

Capitolo VII Gli indicatori utilizzati per la performance
7.1. Le potenzialità informative degli indicatori
7.2. Dal federalismo fiscale all'armonizzazione contabile: gli indicatori per il controllo esterno
7.2.1. Costi e fabbisogni standard
7.2.2. L'armonizzazione contabile e i relativi indicatori
7.3. Il perimetro della performance e le diverse tipologie di indicatori per il controllo interno
7.3.1. Gli indicatori riferiti al bilancio
7.3.2. Gli indicatori relativi alle risorse umane
7.3.3. Gli indicatori relativi al patrimonio
7.3.4. Gli indicatori sullo stato di deficitarietà strutturale
7.3.5. Gli indicatori di efficienza e di efficacia
7.3.5.1. Gli indicatori di attività
7.3.5.2. Gli indicatori di efficienza
7.3.5.3. Gli indicatori di produttività
7.3.5.4. Gli indicatori di efficacia quantitativa
7.3.5.5. Gli indicatori di efficacia qualitativa
7.3.6. Gli indicatori per le società strumentali
7.3.7. Gli indicatori di impatto
7.3.8. Gli indicatori per le pari opportunità
7.4. Un uso intelligente degli indicatori per il Piano della performance

Capitolo VIII Il ciclo di gestione della performance
8.1. I riferimenti normativi del d.lgs. n. 74-2017 in tema di performance
8.2. Quadro di programmazione dell'ente locale e raccordo con il ciclo della performance
8.3. Il ciclo di gestione della performance ed il Piano della performance
8.4. La performance organizzativa nel Piano
8.5. La performance individuale e il sistema premiante
8.6. La predisposizione del Piano della performance
8.7. La Relazione sulla performance: cos'è e a cosa serve
8.8. Le informazioni fondamentali per la redazione del documento

Capitolo IX Un possibile modello operativo per l'ente locale

Conclusioni
Bibliografia
Sitografia
Indice dei materiali on line


Autori
Paola Morigi
Dottore commercialista, revisore contabile, pubblicista, docente in istituti di formazione professionale, componente di organismi di valutazione e di gruppi di lavoro nel settore pubblico e nel campo del non-profit.

Fabio Forti
Funzionario responsabile del controllo di gestione in un ente locale, dottore commercialista e revisore contabile, componente di nuclei ed organismi di valutazione della performance in enti locali.